CAPIRE LA CANNABIS: UN NUOVO LOOK ALLE EVIDENZE SCIENTIFICHE IN MANAGING CHRONIC PAIN

Articolo tradotto in Italiano. Sotto in lingua originale Inglese.

CAPIRE LA CANNABIS: UN NUOVO LOOK ALLE EVIDENZE SCIENTIFICHE IN MANAGING CHRONIC PAIN

   

Comprendere la cannabis in relazione al suo uso medico è un argomento concentrato al giorno d’oggi. Inizierà con l’utilizzo del database più ampio e uno sguardo alle prove scientifiche. Inoltre, la conoscenza e i documenti degli effetti della Cannabis sul corpo umano.

I ricercatori hanno scoperto una forte prova che la Cannabis può mitigare il dolore. Le persone che utilizzano un germoglio di cannabis commerciale e coltivato in casa danno una notevole risposta sul sollievo dal dolore – inoltre, ceppo con alti livelli di THC. Il CBD, al contrario, mostra una connessione limitata con i cambiamenti nei livelli di dolore. Il risultato si è concluso nell’ampia banca dati esaminata nello studio.

 

In un sondaggio, il dolore cronico preoccupa più del 20 per cento degli adulti. È una comune condizione di salute inquietante. Supera i costi combinati di gestione delle malattie cardiache e del cancro.

Consapevolezza della Cannabis Medica

C’è un appello essenziale per la ricerca per imparare a gestire il dolore cronico. Questi includono l’uso sicuro e il ritiro dagli oppioidi sulla base delle prove e degli approcci per insegnare agli esperti sanitari e ai pazienti sui benefici della cannabis medica. In un accordo, abbiamo bisogno di politiche nazionali.

La cannabis ha vari elementi che hanno qualità analgesiche oltre il THC. Questi fattori includono terpeni e flavonoidi, che giocano per le persone che utilizzano un bocciolo di cannabis completamente curato. Investire nello studio e nella consapevolezza della Cannabis può essere a breve termine. Ma a lungo termine, darà abbastanza dati su come funziona la Cannabis medica.

 

Cannabis per contrastare l’epidemia di oppiacei

Con la crescente epidemia di oppiacei, gli esperti hanno scoperto una particolare disposizione sulla Cannabis Medica.Ad esempio, CBD può essere un sostituto per rimedi del dolore a disposizione del pubblico in generale; è utile nel ridurre il dolore. CBD ha potenziali benefici su vari tipi di condizioni di salute, con quasi pochi effetti collaterali diversi.

In un sondaggio, dolore cronico problemi più di 20 per cento degli adulti ed è la condizione di salute inquietante comune. Ha superato i costi combinati di gestione delle malattie cardiache e del cancro.

Rispetto ai rischi speroghi per la salute legati al consumo di oppiacei, la Cannabis può essere una chiara preferenza per i pazienti. L’uso cronico di oppioidi era correlato alla qualità di vita più indisposta. Al contrario, la ricerca in corso propone che il consumo di cannabis sia incluso con un’inversione di ciascuno di questi possibili risultati.

Le persone mostrano tolleranza agli oppioidi, il che implica che hanno bisogno di dosi più elevate per soddisfare lo stesso effetto. Alcuni dei quali a loro volta sviluppa il loro rischio di sovradosaggio. Le prove dimostrano che l’uso di oppiacei a lungo termine per il dolore tende a indurre più danni che benefici.

 

Gestione del dolore e l’applicazione mobile Cannabis Software

 

La cannabis dà al paziente tipico un’opzione utile per un uso generale nella terapia per

il dolore con piuttosto piccoli effetti collaterali negativi. Utilizzando l’opzione, un’applicazione di cannabis mobile è stata utilizzata per raccogliere dati. Il programma consente agli consumatori di cannabis di osservare gli impatti in tempo reale dei prodotti a base di cannabis data la complessità della pianta di Cannabis da cui questi prodotti vengono presi.

L’applicazione mobile è stata sviluppata ed è stato l’unico programma disponibile, senza incentivi per insegnare ai pazienti su come la Cannabis influisce sui loro livelli di gravità dei sintomi.

I fattori comuni sono:

  • Tipi di prodotti di cannabis utilizzati: fiore o concentrato
  • Metodi di consumo: fumo tradizionale, svapo e tamponamento
  • Varietà di cannabis: Indica, Sativa e ibrida,
  • Contenuti cannabinoidi primari:   rapporto THC e CBD

I dati raccolti forniranno quindi all’utente preziosi feedback sul loro stato di benessere. Inoltre, al rimedio scelto, ei risultati clinici di tali scelte come segnato da sollievo dei sintomi ed effetti collaterali.

 

Riprogrammazione della Cannabis

 

Il software aiuta i ricercatori ad avere successo nelle condizioni naturali delle analisi cliniche sugli effetti della Cannabis. Nonostante la riprogrammazione Cannabis da Schedule I a Schedule II, elencandolo potrebbe migliorare la capacità dei ricercatori di condurre studi gratuiti. E solo avrebbe bisogno che la Drug Enforcement Administration  (DEA) confermi che gli usi medici attuali per la Cannabis esistono effettivamente.

Può beneficiare la società per le persone di essere attrezzati per considerare i rischi effettivi e benefici delle loro opzioni di rimedio al dolore. Quando viene data una possibilità, ci saranno molti pazienti con dolore cronico allontanarsi dall’uso di oppioidi. Così, tra varie altre classi di rimedi, a favore della Cannabis medica soprattutto CBD.

 

Conclusioni e note laterali

La ricerca preliminare contribuisce a una guida limitata su come alleviare il dolore e gli effetti collaterali. Un segno può differire rispetto ai prodotti di cannabis generalmente utilizzati e disponibili. Queste conclusioni insinuano benefici dalla terapia della cannabis diretta dal paziente come rimedio analgesico di medio livello.

 

C’è un appello essenziale per la ricerca per imparare a gestire bene il dolore cronico. Questa ricerca includerà l’uso regolare e il ritiro dagli oppiacei. Abbiamo bisogno di politiche generali  basate sui più estesi dati e programmi aperti. Inoltre, per educare gli esperti sanitari e i pazienti. È giusto avere un investimento a breve termine. Ma può essere un piccolo costo da pagare per le prestazioni a lungo termine. E risparmio sui costi decenti per migliorare la gestione del dolore cronico, che è la ragione principale per lesioni a livello globale.

 

Natalie Gray è uningegnere biochimico. Lavora nel team di ricerca e sviluppo che si concentra sulla progettazione e la costruzione di processi unitari. È una sostenitrice di marijuana ricreativa e il suo amore per la chimica organica l’ha portata alla cannabis terapeutica. Cresce i suoi fiori, lavorando su diversi progetti e studiare tutto ciò che è al di sopra e sotto le radici della cannabis.

Per una maggiore consapevolezza e notizie seguimi @

https://www.facebook.com/profile.php?id=100033069654281

 

UNDERSTANDING CANNABIS: A NEW LOOK AT THE SCIENTIFIC EVIDENCE IN MANAGING CHRONIC PAIN

Understanding cannabis in relation to its medical use is a focused topic nowadays. It will begin in the usage of the most extensive database and a look at the scientific evidence. Also, the knowledge and documents of the effects of Cannabis on the human body.

Researchers uncovered strong evidence that Cannabis can mitigate pain. People that use a commercial and homegrown cannabis bud give a notable response on pain relief — moreover, strain with high levels of THC. The CBD, in contrast, shows a limited connection with the changes in pain levels. The result concluded in the extensive database examined in the study.

In a survey, chronic pain troubles more than 20 percent of grown-ups. It is a common disturbing health condition. It surpasses the combined costs of managing heart disease and cancer.

 

Medical Cannabis Awareness 

There is an essential call for research to learn how to manage chronic pain. These include the safe use of and withdrawal from opioids based on the evidence and approaches to teaching healthcare experts and patients on the benefits of Medical Cannabis. In an arrangement, we need national policies.

Cannabis has various elements that have analgesic qualities beyond THC. These factors include terpenes and flavonoids, which play for people that use a full cured cannabis bud. Investing in Cannabis study and awareness may be in the short term. But in the long run, it will give enough data on how medical Cannabis works.

 

Cannabis To Counter the Opioid Epidemic

With the rising opioid epidemic, experts uncovered particular provision on Medical Cannabis.For example, CBD can be a substitute for pain remedies available to the general public; it is beneficial in reducing pain. CBD has potential benefits on various types of health conditions, with almost little diverse side effects.

In a survey, chronic pain troubles more than 20 percent of grown-ups and is the common disturbing health condition. It surpassed the combined costs of managing heart disease and cancer.

When compared to the adverse health risks linked with opioid use, Cannabis may be a clear preference to patients. Chronic opioid use correlated with the more indisposed quality of living. In contrast, the ongoing research proposes that cannabis use is included with a reversal of each of these possible results.

People exhibit tolerance to opioids, which implies that they need higher doses to meet the same effect. Some of which in turn develops their risk of overdose. Evidence shows that long-term opioid use for pain is tending to induce more harm than benefit.

 

Pain Management And The Mobile Cannabis Software App

Cannabis gives the typical patient a useful option for general use in the therapy for pain with pretty little adverse side effects. Employing the option, a mobile cannabis app was used to collect data. The program allows cannabis users to observe the real-time impacts of cannabis-based products given the complexity of the Cannabis plant from which these products are taken.

The mobile app was developed and has been the only available, incentive-free program for teaching patients on how Cannabis affects their symptom severity levels.

 

The common factors are:

  • Types of cannabis products used: flower or concentrate
  • Consumption methods: traditional smoking, vaping and dabbing
  • Cannabis strain: Indica, Sativa, and hybrid,
  • Primary cannabinoid contents: THC and CBD ratio

 

The collected data will then give the user valuable feedback on their well-being status. Also, to the chosen remedy, and the clinical results of those choices as marked by symptom relief and side effects.

 

Rescheduling Cannabis

The software aids researchers to succeed in the natural conditions of clinical analyses on the effects of Cannabis. Despite rescheduling Cannabis from Schedule I to Schedule II, listing it could enhance the researchers’ ability to conduct free studies. And only would need that the Drug Enforcement Administration (DEA) confirms that current medical uses for Cannabis indeed exist.

It can benefit society for people to be equipped to consider the actual risks and benefits of their pain remedy options. When given a chance, there will be many chronic pain patients displace off from opioid use. Thus, among various other classes of remedies, in favor of medical Cannabis especially CBD.

 

Conclusion and Side Notes

The preliminary research contributes to limited guidance on how pain relief and side effects. A sign may differ over generally used and available cannabis products. These conclusions insinuate benefits from patient-directed, cannabis therapy as a mid-level analgesic remedy.

There is an essential call for research to learn how to manage chronic pain well. This research will include the regular use of and withdrawal from opioids. We need general policies based on the most extensive open data and programs. Also, to educate healthcare experts and patients. It is fair enough to have an investment in the short term. But it may be a small cost to pay for the longer-term benefits. And decent cost savings of improving chronic pain management, which is the foremost reason for injury globally.

Natalie Gray is a Biochemical Engineer. She works in the Research and Development team that focuses on the design and construction of unit processes. She is a recreational marijuana supporter and her love for organic chemistry brought her to medical cannabis. She grows her own flowers, working on different projects and study everything above and under cannabis roots.

For more awareness and news follow me @

https://www.facebook.com/profile.php?id=100033069654281

Lascia un commento