Gli alti e i basi delle restrizioni sulla cannabis

Articolo tradotto in Italiano. Sotto in lingua originale Inglese.

All’interno della sua quantità parametrica preventiva, è dato un certo grado di libertà nella formulazione delle politiche nazionali fornite alle parti dell’organizzazione mondiale della gestione delle droghe. Come la maggior parte degli strumenti multilaterali, le convenzioni del passato sono il prodotto di un compromesso politico che rende la loro interpretazione più un’arte che una scienza. Una guida elaborata dell’interpretazione viene divulgata per ogni accordo scritto in un commento politico riguardante la legge. Gli atti delle conferenze riguardanti le intenzioni e gli argomenti utilizzati nei dibattiti per avere successo sono compromessi e finiscono per incidere, sulla scelta finale delle parole da usare. L’osservazione istruttiva delle parti è un’altra fornitura necessaria per determinare i margini di consegna di termini incerti. Le interpretazioni versatili delle clausole dell’accordo scritto delle parti non contestate nel tempo diventano una parte dell’ambito di lettura accettato.

Risoluzioni o dichiarazioni politiche adottate dalla maggior parte dell’Assemblea Generale possono anche svolgere un ruolo significativo in questo senso. Infine, nella sua capacità di osservare la conformità, la Commissione di controllo collettivamente fornisce consulenza ai paesi in merito all’attuazione e alla consegna delle ultime tre convenzioni. Tipicamente, la commissione mantiene l’azione minima di rappresentanza dell’accordo e in genere ritarda lo sviluppo e l’accettazione di argomenti legali vincolati dalle parti, tuttavia, non è incaricato di risolvere o raggiungere un accordo sulla controversia una volta che le variazioni si presentano.

Tutte queste fonti combinate forniscono indicazioni per ciò che costituisce un’interpretazione dei termini del trattato nel loro contesto come richiesto dalla legge dei trattati. Le definizioni risultanti hanno fornito la flessibilità esistente che ha portato a una varietà di pratiche e riforme della politica della cannabis che si discostano da un approccio repressivo.

Un articolo della Convenzione specifica che il trattato non si applica alla coltivazione della pianta di cannabis per scopi industriali sia per i semi che per le piante di canapa coltivate per scopi agricoli (fibra, seme, orticoltura). La pratica della cannabis per scopi ricreativi rimane proibita nella maggior parte delle nazioni; ciononostante, diversi paesi hanno affermato un sistema di depenalizzazione per rendere semplice il possesso non reato, spesso confrontato con un’ammenda non troppo significante. Le forme della pianta di cannabis con contenuto di cannabinoidi psicoattivi approssimativamente minimo generalmente incorporato come canapa anziché cannabis, sono state ampiamente utilizzate per la sua fibra per fare carta, denim o vele. L’industria legale della canapa ha sofferto enormemente dei controlli imposti sulla marijuana, ma sta vivendo un ritorno. Il trattato ha esplicitamente lasciato aperto l’uso della cannabis per tali scopi, ma ha posto problemi operativi per le forze dell’ordine poiché entrambi i tipi di pianta hanno la stessa apparenza di canapa, marijuana e cannabis e un mercato grigio per la marijuana ad alto contenuto di THC come la popolare purple haze e bruce banner seeds venduti a scopo ricreativo in alcune nazioni.

Non vi è alcuna incertezza sul fatto che le convenzioni delle organizzazioni mondiali, in teoria, lascino l’uso medico delle sostanze controllate, come pure della cannabis, e siano intese a garantire una sufficiente maneggevolezza della medicina controllata per le funzioni lecite. L’inclusione, tuttavia, della marijuana e dei suoi principi attivi nei più rigidi schemi dei trattati passati, mantiene la cannabis tra le sostanze con proprietà particolarmente pericolose che non sono compensate da sostanziali vantaggi terapeutici, e questo ha creato ostacoli alle disposizioni legali per l’uso medico della cannabis. Il comitato di controllo ha spesso espresso la sua opposizione a schemi di marijuana medica paragonabili a quelli operativi a livello statale all’interno degli Stati Uniti d’America, uno dei suoi argomenti è spesso contestato; il contrario, tuttavia, sembra possedere una legittimità legale estesa. Innanzitutto, il Consiglio interroga la qualità medica della marijuana. Nel passato la relazione osserva che le convenzioni lasciano alle parti l’interpretazione degli scopi medici e scientifici, un obiettivo vitale, che consente la latitudine all’interno degli incontri. Il Consiglio pone il l’onere ai governi di non consentire il suo uso medico a meno che i risultati conclusivi dell’analisi siano accessibili indicando la sua utilità terapeutica. Non è compito del Consiglio di decidere se i risultati scientifici siano convincenti o meno, né se la cannabis abbia o meno qualità medica. Un unico decreto ha fornito alle organizzazioni sanitarie raccomandazioni sulla corretta programmazione al di sotto delle precedenti Convenzioni. Tuttavia, ci sono parecchi esempi di risultati positivi nell’utilizzo terapeutico della cannabis.

L’opposizione del Consiglio per motivi di qualità medica è infondata per due motivi. In primo luogo, la mancanza di qualsiasi posizione universalmente accettata sulla questione e non è all’interno del mandato o della competenza delle commissioni. Inoltre, le organizzazioni sanitarie, come menzionato sopra, hanno preso una posizione contraddittoria nelle sue raccomandazioni riguardanti la sostanza psicoattiva o il THC da semi di ceppi di THC ad alto contenuto della precedente Convenzione. Il secondo scopo della rivalità dei Board è, comunque, più valido. Come notato nel suo ultimo rapporto, il Consiglio di amministrazione considera inoltre violazioni dei programmi di marijuana medica vincolati che stabiliscono i bisogni specifici che un governo dovrebbe soddisfare se vuole permettere la coltivazione e la coltivazione della cannabis, così come l’istituzione di un’agenzia nazionale per la cannabis a tutti i coltivatori di sementi di cannabis medicali dovrebbero consegnare le loro colture intere. La coltivazione e la distribuzione di green crack seeds dalla banca di semi di cannabis medica per funzioni medicamentose sono meramente ammissibili sotto la stretta gestione dello stato e necessitano di essere coltivatori autorizzati dall’Agenzia con il diritto esclusivo del commercio, dell’esportazione, vendita all’ingrosso e mantenimento di scorte. La Convenzione continua che, ovunque siano operativi schemi di marijuana medica, un’agenzia dovrebbe assegnare tutte le licenze e prendere possesso fisico di tutte le colture. La maggior parte dei paesi che consentono pratiche di cannabis medica hanno introdotto e rispettano le strutture e le procedure specificate. Tuttavia, questo non può essere il caso all’interno di schemi aziendali operativi in ​​alcune città o stati, e quindi gli argomenti del Board riguardanti la legittimità di queste pratiche sotto le Convenzioni sono legittimi.

Natalie Gray è un ingegnere biochimico. Lavora nel team di Ricerca e Sviluppo che si occupa della progettazione e costruzione di processi unitari. È un’appassionata sostenitrice della marijuana e il suo amore per la chimica organica l’ha portata alla cannabis medica. Cresce i suoi fiori, lavora a diversi progetti e studia le piante di cannabis dalle radici fino alle cime.

 

THE UPS AND DOWNS OF CANNABIS RESTRICTIONS

Within its preventative parametric quantity, a certain degree of latitude in the formulation of national policies provided to parties to the world organization drug management. Like most multilateral instruments, the past conventions are the products of political compromise making their rendition more of an art than science. Elaborated guidance of interpretation discloses for every written agreement in political commentary regarding the law. Proceedings of the conferences concerning the intentions and arguments utilized in debates to succeed are compromised and ended up to voting, on the ultimate choice of words. The instructive remark of the parties is another necessary supply of determining the margins of rendition of uncertain terms. Versatile interpretations of the written agreement provisions by parties uncontested over time become a part of the accepted scope of reading.
Resolutions or political declarations adopted by most of the General Assembly also can play a significant role during this regard. Finally, in its capability to watch accord compliance, the Control Board collectively provides counsel to countries on the implementation and rendition of the past three conventions. The Board typically maintains the minimal action of representation of the accord and typically lags within the development and acceptance of bound legal arguments by the parties, however, it is not mandated to resolve or reach an agreement about the dispute once variations arise.
All those sources combined provide indications for what constitutes an interpretation of the terms of the treaty in their context as the Law of Treaties requires. The resultant definitions have provided the existing flexibility that has led to a variety of cannabis policy practices and reforms deviating from a repressive enforcement approach.
An article of the Convention specifies that the treaty does not apply to the cultivation of the cannabis plant exclusively for industrial purposes both for fiber and marijuana weed seeds or horticultural purposes. The practice of cannabis for recreational purposes remain forbidden in most nations; nevertheless, several countries have affirmed a system of decriminalization to make simple possession a non-criminal offense, frequently compared to an insignificant traffic violation. Forms of the cannabis plant with approximately minimal psychoactive cannabinoid content generally incorporated with as hemp instead of cannabis, have been widely used for its fiber to make paper, denim or sails. The legal hemp industry has suffered hugely from the controls imposed on marijuana but is experiencing a comeback. The treaty explicitly left the use of cannabis for such purposes open but posed operational problems for law enforcement as both types of the plant the hemp, marijuana, and cannabis have the same appearance, and a grey market for high-THC marijuana like the popular purple haze and bruce banner seeds for recreational purposes do exist in some countries.
There is none uncertainty that the world organization conventions, in theory, leave the medical use of controlled substances, as well as cannabis, and are meant to ensure enough handiness of controlled medicine for licit functions. The inclusion, however, of marijuana and its active compounds within the strictest schedules of the past treaties, reserved for substances with particularly dangerous properties that are not offset by substantial therapeutic advantages have created obstacles for legal provisions for the medical use of cannabis. The Control Board has often expressed its opposition to medical marijuana schemes comparable to those operatives at the state level within the United States of America one among its arguments are often contested merely; the opposite, however, seems to possess extended legal legitimacy. First, the Board queries the medical quality of marijuana. In the past report notes that the conventions leave the interpretation of medical and scientific purposes up to the parties, a vital goal, allowing latitude inside the meetings. Concomitantly the Board places the encumbrance on governments not to permit its medical use unless conclusive results of the analysis are accessible indicating its therapeutic usefulness. It is not the Board’s mandate to make up minds whether or not scientific results are convincing or not, nor whether or not cannabis has medical quality. A single decree has provided to health organizations concerning recommendation on correct programming underneath the past Conventions. However, there are quite a few samples of the board casting judgment and the stigma with cannabis.
The Board’s opposition on the grounds of medical quality is groundless for two reasons. First, the shortage of any universally accepted position on the issue and it is not inside the Boards’ remit or competency. Moreover, health organizations, as mentioned above, has taken a contradictory position in its recommendations concerning psychoactive substance or THC from high THC strains seeds underneath the past Convention. The Boards’ second purpose of rivalry is, however, more valid. As noted in its last report, the Board additionally regards bound medical marijuana schemes to be in violation stipulating the specific needs that a Government should fulfill if it is to permit the cultivation and growing of cannabis, as well as the institution of a national cannabis agency to that all medical cannabis seed growers should deliver their entire crops.The cultivation and distribution of green crack seeds from medical cannabis seed bank for medicative functions are merely permissible underneath strict state management and needs an agency with the exclusive right of commerce, exporting, wholesale commercialism and maintaining stocks solely cultivators authorized by the Agency shall be licensed to interact in such cultivation. The Convention continues that, wherever medical marijuana schemes are operational, an agency should award all licenses and take physical possession of all crops. Most countries permitting medical cannabis practices have introduced and abide by the specified structures and procedures. However, this can be not the case inside business schemes operative in some cities or state, and therefore the Boards arguments concerning the lawfulness of these practices underneath the Conventions are legitimate.
Natalie Gray is a Biochemical Engineer. She works in the Research and Development team that focuses on the design and construction of unit processes. She is a recreational marijuana supporter and her love for organic chemistry brought her to medical cannabis. She grows her

Lascia un commento