L’EQUILIBRIO TRA GLI ELEMENTI INTERDIPENDENTI DEI CANNABINOIDI E LA MENTE UMANA

Articolo tradotto in Italiano. Sotto in lingua originale Inglese.

I cannabinoidi agiscono in modo considerevole nel corpo umano. Sono responsabili nel trasmettere il segnale ai recettori dei cannabinoidi del sistema endocannabinoide, spesso lavorando per raggiungere un equilibrio stabile tra l’elemento interdipendente.

Da un punto di vista evolutivo, il sistema di segnalazione dei cannabinoidi è antico e si trova negli invertebrati e negli organismi ad alto livello dei vertebrati. Il sistema endocannabinoide ha quattro elementi principali:

(1) recettori CB1 e CB2 del cannabinoide accoppiati a proteine ​​G

(2) Endocannabinoidi endogeni che colpiscono questi recettori e possibilmente altri recettori

(3) Enzimi che catalizzano la biosintesi e il metabolismo degli endocannabinoidi

(4) Meccanismi coinvolti nell’accumulo di cellule di endocannabinoidi specifici

 

Cannabis e omeostasi

È interessante notare che le sostanze derivate dai semi e dalle piante di cannabis hanno dimostrato di influenzare significativamente l’omeostasi all’interno del corpo. Possono sia ridurre che migliorare l’azione di sistemi specifici, in ultima analisi, lavorando come regolatore biologico. I cannabinoidi ottengono in parte questi effetti lavorando sul sistema endocannabinoide (ECS), un sistema composto da enzimi, lipidi segnalatori e recettori accoppiati a proteine ​​G noti come recettori CB1 e CB2.

I cannabinoidi interagiscono con questi recettori a causa della loro fondamentale somiglianza con le molecole formate all’interno dell’organismo noti come endocannabinoidi, sostanze chimiche che svolgono anche un ruolo cruciale nell’omeostasi.

L’omeostasi è definita come l’inclinazione verso un equilibrio relativamente stabile tra elementi interdipendenti, ad eccezione di quanto riservato dai processi fisiologici. L’omeostasi è uno stato di equilibrio biologico all’interno del corpo. Le istanze esterne che causano il rilascio di ormoni dello stress come il caldo e il freddo e le alterazioni interne come la pressione sanguigna e l’acidità, tutte fisiologiche scatenano le informazioni passate successivamente all’interno del corpo che la riportano all’equilibrio. Questi processi si verificano sempre e sono vitali per la sopravvivenza del corpo.

Recettori dei cannabinoidi
Il recettore CB1 è indicato nel cervello e nei tessuti superficiali. In entrambe le aree, ha più funzioni. In mente, è il più abbondante dei recettori accoppiati alla proteina G e media la maggior parte, se non tutti gli effetti psicoattivi del THC. La sua distribuzione è coerente con la farmacologia della marijuana.

Recettori Cb1
I recettori CB1 si sviluppano nel cervelletto – la conoscenza e il coordinamento, l’ippocampo – l’apprendimento e la memoria, la corteccia – la funzione e il controllo cognitivi ed esecutivi e, la sintesi di input sensoriali, la pianificazione dei gangli basali, il controllo motorio, lo striato ventrale – il predizione e sentimento di ricompensa, Amigdala – la paura, l’ansia e l’emozione, l’ipotalamo – i livelli ormonali, l’appetito, il comportamento sessuale, il tronco cerebrale e il midollo spinale.

Recettori Cb2
I recettori CB2 sono eccellenti all’esterno, su cellule immunitarie, sistemi ematopoietici e altre aree. C’è un’indicazione della rappresentazione del recettore CB2 nel cervello. In mente, i recettori CB2 modulano anche la scarica di segnali chimici principalmente coinvolti nelle funzioni del sistema immunitario. I recettori CB2 sono di notevole interesse perché tutti gli effetti psicoattivi del THC nell’uomo possono essere invertiti dall’antagonismo selettivo del recettore CB1, implicando che l’attivazione del THC del CB2 non fornisce effetti psicoattivi. Successivamente, i recettori CB2 sono probabilmente il target per i farmaci in quanto potrebbero evitare gli effetti avversi promulgati dalla cannabis o dal THC che inducono effetti psicoattivi attraverso i recettori CB1.

Endocannabinoidi e segnalazione
Gli endocannabinoidi agiscono come un ruolo significativo nella regolazione del piacere, della memoria, del pensiero, della concentrazione, del movimento del corpo, della coscienza, dell’appetito, del dolore e dell’elaborazione neurale (udito, olfatto, gusto, tatto e vista) e dello sviluppo del cervello. Gli endocannabinoidi che agiscono sui recettori CB1 (e possibilmente sui recettori CB2) modulano e “sintonizzano” indicando nella maggior parte delle regioni del cervello, per consentire al cervello di adattarsi ai segnali generati da più fonti.

Lo scopo del sistema endocannabinoide nel cervello
Riconoscere i molteplici ruoli della segnalazione endocannabinoide nel cervello permette di comprendere gli effetti farmacologici della cannabis e di altri cannabinoidi esogeni, il loro potenziale terapeutico e gli effetti collaterali indesiderati. Lo studio approfondisce la modulazione endocannabinoide “on demand” dell’erogazione sinaptica eccitatoria e inibitoria e delle funzioni regolatorie nel cervello.

Sviluppo del cervello
La segnalazione endocannabinoide è vitale per lo sviluppo del cervello e guida la sopravvivenza e la generazione delle cellule staminali neurali, le disposizioni del destino cellulare e la motilità e differenziazione delle cellule neuronali e gliali successive. La segnalazione endocannabinoide evolutiva, dal feto al giovane adulto, può essere sensibile all’uso di cannabis durante la gravidanza e l’adolescenza, probabilmente influenzando la struttura e la funzione del cervello. Gli endocannabinoidi e la segnalazione di endocannabinoidi alterati dalla cannabis possono fornire malattie neuropsichiatriche di origine evolutiva e in cui sono state osservate modifiche alla segnalazione come autismo, disturbo bipolare, schizofrenia e depressione. Il ruolo principale del sistema dei cannabinoidi nella promozione della neurogenesi dell’adulto nell’ippocampo e nei ventricoli laterali fornisce informazioni sui meccanismi della neurogenesi sottostante allo sviluppo nel cervello dei mammiferi. Sia il THC che il CBD inibiscono la neurogenesi nel cervello dei roditori adolescenti o adulti, una modalità di implicita rilevanza per una vasta gamma di eventi antagonistici indotti dalla cannabis.

L’ipotalamo
Vari sistemi fisiologici lavorano in armonia per aiutare il corpo a raggiungere l’omeostasi. L’ipotalamo è un organo situato nel cervello, è responsabile del mantenimento di questo equilibrio. L’ipotalamo collega il sistema endocrino e il sistema nervoso e fornisce il rilascio e l’inibizione degli ormoni che portano alle informazioni ormonali passate successivamente in tutto il corpo.

Il sistema endocannabinoide è presente nell’ipotalamo, dove agisce come un ruolo regolatore nel mantenimento dell’equilibrio o dell’omeostasi, supportando la modulazione dell’assunzione di cibo e del metabolismo energetico.

Cannabis per mantenere l’equilibrio
I cannabinoidi dai semi del Nirvana possono legarsi ai recettori cannabinoidi e mantenere l’equilibrio della mente e del corpo umano. Diamo un’occhiata ai pazienti con dolore cronico. Il THC non è solo un analgesico, ma blocca anche il dolore dall’incitare i recettori dei cannabinoidi che provocano l’aumento della frequenza cardiaca, la pressione sanguigna, gli effetti dell’umore e la privazione del sonno.

 

Natalie Gray è un ingegnere biochimico. Lavora nel team di Ricerca e Sviluppo che si occupa della progettazione e costruzione di processi unitari. È un’appassionata sostenitrice della marijuana e il suo amore per la chimica organica l’ha portata alla cannabis medica. Cresce i suoi fiori, lavora a diversi progetti e studia le piante di cannabis dalle radici fino alle cime.

 

THE LINKING EQUILIBRIUM BETWEEN THE INTERDEPENDENT ELEMENTS OF CANNABINOIDS AND THE HUMAN MIND

The cannabinoids act remarkably in the human body. They are responsible in transmitting cannabinoid receptors’ signal of the endocannabinoid system, often working to achieve a steady equilibrium between the interdependent element.

From an evolutionary point of view, the cannabinoid signaling system is old and is found in invertebrates and high-level vertebrate organisms. The endocannabinoid system has four principal elements:

(1) G protein-coupled cannabinoid CB1 and CB2 receptors

(2) Endogenous endocannabinoids that target these receptors, and possibly other receptors

(3) Enzymes that catalyze endocannabinoid biosynthesis and metabolism

(4) Mechanisms involved in cell accumulation of specific endocannabinoids

 

Cannabis And Homeostasis
Interestingly, substances derived from the cannabis seeds and plant have been shown to affect homeostasis within the body significantly. They can both reduce and enhance the action of specific systems, ultimately working as a biological regulator. Cannabinoids obtain these effects in part by working upon the endocannabinoid system (ECS), a system composed of enzymes, signaling lipids, and G-protein coupled receptors known as the CB1 and CB2 receptors.

Cannabinoids interact with these receptors due to their fundamental similarity with molecules formed within the body known as endocannabinoids, chemicals that also play a crucial role in homeostasis.

Homeostasis is defined as the inclination towards a relatively stable equilibrium between interdependent elements, except as reserved by physiological processes. Homeostasis is a state of biological equilibrium within the body. External instances that cause the release of stress hormones such as heat and cold, and internal changes such as blood pressure and acidity, all physiological trigger the successively passed information within the body that bring it back into the equilibrium. These processes are occurring all the time and are vital to the survival of the body.

Cannabinoid Receptors
The CB1 receptor is signified in the brain and surface tissues. In both areas, it has multiple features. In mind, it is the most abundant of the G-protein coupled receptors and mediates most, if not all the psychoactive effects of the THC. Its distribution is consistent with the pharmacology of marijuana.

Cb1 Receptors
CB1 receptors are developed in the cerebellum— the knowledge and coordination, Hippocampus— the learning and memory, Cortex— the cognitive and executive function and control, and, the synthesis of sensory input, Basal ganglia— planning, motor control, ventral Striatum— the prediction and feeling of reward, Amygdala— the fear, anxiety, and, emotion, Hypothalamus— the hormone levels, appetite, sexual behavior, brainstem and spinal cord.

Cb2 Receptors
CB2 receptors are excellent in the outside, on immune cells, hematopoietic systems, and other areas. There is an indication of CB2 receptor representation in the brain. In mind, CB2 receptors also modulate the discharge of chemical signals principally involved in immune system functions. CB2 receptors are of considerable concern because all the psychoactive effects of THC in humans can be reversed by selective antagonism of the CB1 receptor, implying that THC activation of CB2 does not provide psychoactive effects. Subsequently, CB2 receptors are a likely the target for therapeutics as they may avoid the adverse effects promulgated by cannabis or THC that induce psychoactive effects via CB1 receptors.

Endocannabinoids And Signaling
Endocannabinoids act as a significant role in regulating pleasure, memory, thinking, concentration, body movement, consciousness, appetite, pain, and neural processing (hearing, smell, taste, touch, and sight), and brain development. Endocannabinoids acting at CB1 receptors (and possibly CB2 receptors) modulate and “tune-up” indicating in most brain regions, to enable the brain to adapt to signals generated by multiple sources.

The Purpose Of The Endocannabinoid System In The Brain
Recognizing the multiple roles of endocannabinoid signaling in the brain allows insight into the pharmacological effects of cannabis and other exogenous cannabinoids, their therapeutic potential and unwanted adverse effects. The study details in depth “on demand” endocannabinoid modulation of excitatory and inhibitory synaptic delivery and regulatory functions in the brain.

Brain Development
Endocannabinoid signaling is vital for the brain development and guides neural stem cell survival and generation, cell fate arrangements and the motility and differentiation of succeeding neuronal and glial cells. Developmental endocannabinoid signaling, from fetus to young adult, may be responsive to cannabis use during pregnancy and adolescence, probably affecting brain structure and function. Endocannabinoids and cannabis-altered endocannabinoid signaling may provide to neuropsychiatric diseases that are of developmental roots and in which modifications to signaling have been observed such as autism, bipolar disorder, schizophrenia, and depression. The prime role of the cannabinoid system in promoting adult neurogenesis in the hippocampus and the lateral ventricles gives insight into the means of underlying post-developmental neurogenesis in the mammalian brain. Both THC and CBD inhibit neurogenesis in adolescent or adult rodent brain, a way of implied relevance to a wide range of cannabis-induced antagonistic events.

The Hypothalamus
Various physiological systems work in harmony to help the body achieve homeostasis. Hypothalamus is an organ located within the brain, it is responsible for maintaining this balance. Hypothalamus links the endocrine system and nervous systems and provides releasing and inhibiting the hormones that lead to the successively passed hormonal information throughout the body.

The Endocannabinoid system is present within the hypothalamus, where it acts as a regulatory role in keeping the balance or homeostasis, supporting to modulate food intake and energy metabolism.

Cannabis For Keeping The Equilibrium
Cannabinoids from Nirvana seeds can bind to cannabinoid receptors and keep the equilibrium of the human mind and body. Let’s look at patients with chronic pain. THC is not only an analgesic, but it also blocks the pain from inciting the cannabinoid receptors that are triggering the increased heart rate, blood pressure, mood effects, and sleep deprivation.

 

Natalie Gray is a Biochemical Engineer. She works in the Research and Development team that focuses on the design and construction of unit processes. She is a recreational marijuana supporter and her love for organic chemistry brought her to medical cannabis. She grows her own flowers, working on different projects and study everything above and under cannabis roots.

 

 

Per tutta l'estate sconto del 20% sui prodotti 420green e CBD360